Venerdì, 30 Luglio 2021 | Login
Appuntamenti della Comunità

La fuga dei diavoli quando preghiamo bene

Il Bene è sempre odiato dal Male, Dio è sempre bestemmiato dai diavoli e questi cercano sempre più umani burattini da manovrare per distruggere la Fede in Gesù Cristo e le opere sacre, ostacolare ogni attività sacra, mettere fine alla vita spirituale.

L’odio irrefrenabile dei diavoli scaturisce dal loro fallimento e dalla scelta delle pene eterne nell’inferno, dove c’è la privazione di ogni Bene ed è presente una perenne disperazione, tormento, odio, vendetta, violenza, bestemmia.

Loro hanno scelto di opporsi a Dio scegliendo l’inferno, quando Dio rivelò l’Incarnazione di suo Figlio eterno. I diavoli rifiutarono con uno sprezzante «non serviam», non vollero neanche immaginare l’idea di sottomettersi ad un Uomo anche se Dio, ma appunto con un Corpo umano, quindi, di rango inferiore rispetto alla loro natura angelica.

«Non serviam», con questa locuzione latina di Lucifero, venne espresso il rifiuto di servire Dio nel Regno dei Cieli. Gli angeli decaduti e divenuti diavoli hanno perduto per l’eternità l’immensa felicità che dona Dio, la santità angelica, la quiete paradisiaca, l’armonia con il creato.

Con il loro rifiuto hanno scelto una ribelle e ostinata opposizione a Dio, una lotta senza posa per distruggere le opere di Dio, ostacolare la salvezza delle anime, bloccare le vocazioni sacerdotali e religiose. Oggi i seminari sono quasi vuoti e molti conventi religiosi vengono chiusi.

I diavoli hanno sempre escogitato nuovi strumenti per soggiogare l’umanità, adeguandosi ai tempi e suscitando nelle persone meno protette dalla preghiera, pensieri avversi al sacro e all’onestà.

Nelle persone dichiarate nemiche di Dio, i diavoli agiscono con piena libertà e istigano dolcemente a compiere opere sempre dannose per le stesse persone, i loro familiari e tutti i conoscenti. «Dai loro frutti li riconoscerete» (Mt 7,16).

Sono incalcolabili i mezzi utilizzati dai diavoli per stordire l’umanità e annichilirla con lo scopo di annientarla. Non spingono sottilmente e sfrenatamente solo all’utilizzo delle droghe, all’abuso dell’alcool e non immettono nelle persone prive di controllo solo l’agitata irrequietezza o l’impulso irrefrenabile di fare sesso con chiunque.

I diavoli conoscono di ogni persona il punto debole e non appena c’è uno spiraglio, INVIANO SUSSURRI DI TENTAZIONI che nella persona si presentano come pensieri propri, personali, ma diventano esigenze che la persona considera sempre come buone e impulsivamente vuole seguire presto.

Anche se non si tratta di induzioni al peccato, i pensieri molto sottili che arrivano dai diavoli hanno sempre la finalità di distrarre dalle cose buone, far compiere altro per non fare pregare o leggere libri spirituali, mettono premure per cose inutili che fanno perdere tempo prezioso e scaricano energie e vitalità, insinuano dubbi su tutto per far agitare e alle volte disperare.

I diavoli vogliono disturbare le persone che pregano, non hanno molti problemi con quanti non pregano e su loro esercitano un grande potere!

Senza il dominio della propria volontà non si è in grado di resistere alle tentazioni e si viene assaliti da turbamenti, smania ed irrequietezza.

Dove i diavoli non riescono a trovare almeno un punto debole in quelle persone molto spirituali, non riuscendo a vincerli, attuano un altro piano ed è quello delle diffamazioni. Si servono di persone disoneste e con grande facilità suscitano in esse ispirazioni maledette e incredibili, illogiche, improbabili.

Questa strategia l’hanno utilizzata principalmente con Gesù, con gli Apostoli e tutti i Santi, nessuno escluso, e verso quelle anime spirituali che si sforzano di aderire alla Volontà di di Dio. Occorre una perseveranza che rimane possibile solo con la Grazia di Dio.

I diavoli utilizzano le diffamazioni per demoralizzare chi segue fedelmente Gesù e ama la Madonna più della propria madre, e se nonostante queste ferite le anime sante proseguono l’apostolato e a fare del bene, almeno le diffamazioni allontanano più persone possibili e così non ascoltano più le parole di verità, la sana dottrina, i consigli che ispira lo Spirito Santo, gli stimoli per frequentare i Sacramenti e la Santa Messa, gli inviti per pregare di più e con fiducia.

NONOSTANTE QUESTA ATTIVITÀ INVISIBILE ED IMPERCETTIBILE DEI DIAVOLI, LE ANIME SPIRITUALI AVVERTONO CON FACILITÀ LA LORO PRESENZA QUANDO SI AVVICINANO, AVVERTONO LA LORO PRESENZA NELLE PERSONE DISTURBATE, ANCHE IL GRADO DI NEGATIVITÀ CHE AVVILISCE LE PERSONE E LE FA AMMALARE GIÀ CON LA DEPRESSIONE.

Le diffamazioni contro i cattolici impegnati e spirituali causano un grande danno nella lotta per la conversione dei peccatori, soprattutto si colpiscono i Sacerdoti disponibili ad aiutare e carichi di quella Fede che demolisce l’astuzia dei diavoli, perché li abbatte e svela i loro piani.

Le diffamazioni passano e la verità trionfa sempre. Se vogliamo considerarle da un’ottica decisamente spirituale, le diffamazioni costringono a rientrare in sé e favoriscono la conoscenza personale, fanno crescere nell’amore a Gesù e alla Madonna, inoltre umiliano la persona e innalzano la sua spiritualità.

Non appaiono come parole consolanti... invece proprio questi segnali ci dicono che stiamo facendo bene, camminiamo nella Via di Gesù, viviamo nella Volontà di Dio e la Trinità Santissima elargisce maggiori doni e benedizioni.

Le diffamazioni passano mentre i meriti acquisiti nel tempo delle persecuzioni rimangono, la Fede diventa forte e si stabilisce una piena comunione con Gesù.

Con il Santo Rosario possiamo vincere ogni avversità e rimanere sereni dinanzi agli attacchi dei diavoli e di quanti sono dominati bagno loro. I diavoli hanno terrore dei Sacramenti, della preghiera devota e fiduciosa, della bontà e della generosità, del perdono e dell’umiltà!

Il Nostro Sito Utilizza i Cookie. I nostri cookie di profilazione e quelli installati da terze parti ci aiutano a migliorare i nostri servizi online. Se ne accetti l'uso continua a navigare sul nostro sito. Se vuoi saperne di più Sui Cookies che utilizziamo e vuoi sapere come negarne il consenso a tutti o solo ad alcuni, leggi la nostra: Cookie Policy.

  Accetta I Cookies Da Questo Sito