Mercoledì, 17 Aprile 2024 | Login
Appuntamenti della Comunità

Il Segno della Croce


La Croce è divenuta il simbolo per eccellenza di Cristo. Nei primi secoli del cristianesimo, ogni azione liturgica o sacramentale, ogni impresa, ogni passo nel cammino della vita, ogni pericolo o prova, era occasione per compiere il segno della Croce. Da allora, il segno della Croce è stato il primo gesto religioso insegnato ai fanciulli o ai catecumeni.

E' anche l'ultimo, quello con cui si segna il corpo della persona defunta . Possiamo considerare il segno della Croce come il gesto rituale più elementare ed è così agevole rendersi conto che si tratta di un gesto " totale " , che racchiude in sé tutto l'essenziale dell'insegnamento cristiano. Esso esprime la ricapitolazione della fede, un modo di rendere presente e di iscrivere sul corpo e nell'anima le verità fondamentali che sono la struttura della vita dei credenti :

1°- Unità e Trinità di Dio
2°- Incarnazione , Passione e Morte di Nostro Signore Gesù Cristo .

Dal proprio Battesimo fino alla morte, la vita di ogni battezzato è sotto il segno della Croce. Infatti oltre ad affermare il nostro rapporto con Dio, il segno di Croce marca al tempo stesso, l'ingresso nella vita cristiana, il percorso di tutta l'esistenza insieme al Cristo e la conclusione della vita terrena.

La pratica di farsi il segno della Croce è quantomai importante nella Chiesa Cattolica Romana, ma è praticata anche fra i greco-ortodossi e gli episcopaliani. La storia del segno della Croce risale almeno a Tertulliano, il Padre della Chiesa antica, che visse fra il 160 e il 220 d.C. Egli scrisse : " Se ci mettiamo in cammino, se usciamo od entriamo in casa, se ci vestiamo, se ci laviamo o andiamo a mensa, a letto, se ci poniamo a sedere, in queste e in tutte le nostre azioni ci segnamo la fronte con il segno di Croce".

In origine ci si tracciava sulla fronte una piccola Croce con il pollice. E' difficile indicare esattamente quando si passò al segno a "grande Croce" : la mano destra va dalla fronte alla parte inferiore del petto e dalla spalla sinistra alla destra , congiungendo la mani alll'Amen.

N.B. " Il segno della Croce lo facciamo prima della preghiera, affinchè esso ci raccolga e ci metta spiritualmente in ordine , concentri in Dio pensieri,cuori e volere ; dopo la preghiera , affinchè rimanga in noi quello che Dio ci ha donato . Nella tentazione , perchè ci irrobustisca . Nel pericolo , perchè ci protegga . Nell'atto dellla benedizione , perchè la pienezza della vita divina penetri nell'anima... Fallo bene : lento , ampio , consapevole . Fà combaciare ogni parola col relativo segno " . ( Insegnalo così ai Figli e Nipotini , perhè non riducano questo Nobile Segno ad uno "scacciamosche").

La prima cosa che l'Immacolata insegnò a Bernardetta a Lourdes, fu il segno della Croce e quando Bernardetta morì, pur senza forze, riuscì a tracciare su di sè l'ultimo suo segno della Croce.

Il segno della Croce è l'inizio e la conclusione di ogni preghiera.
La Preghiera è l'acqua che fa crescere rapidamente l'albero dell'Amore.

Facciamo tutti assieme il segno della Croce, dicendo :

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen
NEL NOME= al singolare= UN SOLO DIO+ DEL PADRE E DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO = IN TRE PERSONE .

N.B. - Quella -e- rimarcata non deve essere tralasciata poichè è - congiunzione - e nel segno della Croce, come anche nel Gloria al Padre , ci fa proclamare l'Unità e la Trinità di Dio nelle parole , mentre con il Segno della Croce ricordiamo l'Incarnazione e la Redenzione .


Sempre aff.mo e grato -Padre Mattia- Trinitario